S

Psicologia della crisi ed ruolo del marketing in un periodo di recessione economica

Durante una recessione, i cambiamenti dei comportamenti dei consumatori e delle strategie di marketing delle aziende possono rafforzare o indebolire la performance. Le aziende che comprendono la reazione psicologica dei consumatori alla recessione e perfezionano di conseguenza le attività di marketing e i portafogli di prodotti hanno maggiori probabilità di prosperare durante e dopo la crisi. Come devono rispondere gli operatori di marketing a questa grande sfida, a capire la psicologia della crisi, e scongiurare così il tracollo dell’azienda e assicurarne, non solo la sopravvivenza, ma anche l’accrescimento?

Psicologia della crisi: il primo passo

Il primo passo per reagire deve essere quello di comprendere la reazione emotiva dei consumatori e successivamente suddividerli in base ad essa. Operare una segmentazione che non sia basata come di consueto sulle caratteristiche demografiche o lo stile di vita, bensì pensando ai clienti nei termini delle quattro categorie che seguono: i frenatori segmento duramente colpito dalla crisi, che taglia tutta la spesa; i doloranti ma pazienti che economizzano in maniera selettiva, ottimisti nel lungo periodo ma poco fiduciosi in una ripresa nel breve periodo; gli agiati, che continuano ad effettuare acquisti di prodotti di fascia alta, anche se in maniera meno ostentata; in fine abbiamo i "consumatori godiamoci la vita" la cui spesa rimane perlopiù invariata.

Psicologia della crisi: il secondo passo

Il secondo passo consiste nel valutare come ciascun segmento ripartisce gli acquisti a seconda delle priorità di consumo organizzando beni e servizi in quattro categorie di prodotto: i prodotti essenziali ritenuti fondamentali per la sopravvivenza o il benessere; i piccoli piaceri, forme di appagamento il cui acquisto è considerato giustificabile; i procrastinabili, il cui acquisto può essere ragionevolmente rimandato; i superflui sono i beni considerati non necessari.

Il ruolo del marketing: i consumatori durante la crisi

Durante una recessione tutti i consumatori, eccetto quelli del tipo "godiamoci-la-vita" tendono a rivalutare le proprie priorità di consumo in base a considerazioni altamente personali. In genere, per quanto riguarda i prodotti essenziali, nonostante la maggiore attenzione ai prezzi e con l’unica eccezione dei “frenatori” che potrebbero cercare marchi sostitutivi, la quasi totalità dei consumatori rimane fedele alle marche preferite.

 (liberamente ispirato da articoli della Harward Business Review) 

Seguici su LinkedIn iscrivendoti al nostro canale