Strategie

Le strategie di Green Marketing: come nasce il marketing responsabile

Le strategie di Green Marketing vedono luce durante gli anni 80: è in questo periodo che nasce il marketing responsabile.

Il marketing responsabile rappresenta un nuovo modo di approcciarsi al mercato, sviluppando e promuovendo prodotti e servizi rispettosi nei confronti dell’ambiente e della sostenibilità, e andando a soddisfare le esigenze dei consumatori senza danneggiare l’ecosistema. Inoltre, assumono sempre maggior importanza nuove pratiche quali il calcolo dell'impronta ecologica (Carbon Footprint), per misurare attraverso un indicatore concreto la riduzione delle emissioni da parte delle imprese.
Le strategie di Green Marketing hanno come principale obiettivo quello della revisione delle tradizionali strategie aziendali, dai processi di produzione alle attività di comunicazione all’esterno e all’interno dell’azienda.
Si tratta di un approccio che coinvolge tutte, o almeno una delle 4P del Marketing Mix tradizionale e si differenzia dal passato quando veniva utilizzato dalle aziende semplicemente come leva per migliorare la propria immagine, pubblicizzando l’attenzione verso l’ecologico: tale approccio è utilizzato da quelle note come imprese ecosostenibili.

La sfida delle strategie di Green Marketing: come comunicare attraverso il marketing responsabile

Comunicare attraverso il marketing responsabile è fondamentale poiché nel corso degli ultimi anni si sta assistendo a un cambiamento globale di tutta la società con un approccio totalmente innovativo e perseguendo tre principali risultati:

  • Risultati commerciali;
  • Risultati ambientali;
  • Risultati culturali

Nell’ambito dei risultati commerciali, il marketing responsabile è mutuato dal marketing tradizionale, il quale fissa nuovi standard su prodotti, marchi e aziende più sostenibili rispetto ai concorrenti.
I risultati ambientali riguardano invece l’informazione che attua l’azienda nei confronti delle tematiche green, maggiore è la loro conoscenza, maggiore sarà la volontà delle persone di cambiare il proprio comportamento.
In ultimo ci sono i risultati culturali,che mirano a creare una nuova cultura della sostenibilità attraverso l’innovazione. Si tratta di un’azione culturale che vuole rendere attraenti le innovazioni ecologiche e riprovevoli i comportamenti che vanno nel senso opposto.

Affinchè le strategie di Green Marketing siano efficaci nel medio-lungo termine, sono necessarie le cosìdette 5 “I” del Green Marketing:

  • Intuitivo: in grado di rendere normali e accessibili le alternative verdi;
  • Integrante: consiste nel combinare l’aspetto sostenibile con quello economico, tecnologico e sociale;
  • Innovativo: attraverso un’innovazione che crei nuovi prodotti e nuovi stili di vita;
  • Invitante: bisogna sottolineare la positività nello scegliere il green e puntare sull’efficacia, sulla durata e sull’aspetto salutistico ed economico;
  • Informato: deve favorire l’educazione ambientale superando l’ignoranza che può influenzare negativamente sul comportamento delle persone.

Il Green Marketing come Marketing responsabile

Il Green Marketing è principalmente un marketing responsabile e pertanto deve tenere conto della responsabilità sociale d’impresa (Corporate Social Responsability). Quest’ultima è entrata formalmente nell’agenda dell’Unione Europea dal 2000. Si tratta di strategie aziendali basate su comportamenti e pratiche di natura etica che mirano ad ottenere benefici e vantaggi per l’azienda stessa. Inoltre rappresenta un elemento fondamentale per lo sviluppo sostenibile.
Il Green Marketing quindi opera su tre fronti: ambientale, economico e sociale.

In conclusione possiamo affermare che le problematiche ambientali e il Green Marketing rappresentano un impegno attuale e serio nel conciliare le abitudini dei consumatori con le necessità dell’ambiente, puntando sulla qualità dei propri prodotti e/o servizi.

Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.
Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta il nostro utilizzo da parte dei cookie.